Page 9 - 1861-1871 Il Nuovo Stato - Atti 15-16 novembre 2011
P. 9

9


               Intervento del Presidente del CASD


               Gen. S.A. Orazio Stefano PAnAtO





               Signor Capo di Stato Maggiore della Difesa
               Presidente della Commissione Italiana di Storia Militare
               Presidente della Società Italiana di Studi Militari
               Signore
               Signori



                       un piacere per me quale presidente del CAsD porgere il benvenuto
                       della istituzione a questo congresso che, celebrando i 150 anni di
               È Unità Nazionale, analizza con il metodo storico il primo decennio
               unitario che è stato quello fondante per il nostro stato.
                  si dice che massimo D’Azeglio pittore, scrittore ma soprattutto eminente
               politico del Regno di sardegna, all’indomani del 17 marzo 1861, data in cui
               fu proclamato il regno d’italia, abbia pronunciato la famosa frase: ora che e’
               fatta l’italia dobbiamo fare gli italiani.
                  Anche se suggestiva la frase non riflette però la verità. oltre che a fare gli
               italiani rimaneva ancora molto da completare dell’italia. L’unita’ innanzitut-
               to, molte zone del sud ex-borbonico non erano all’indomani della proclama-
               zione dell’unita’ affatto sotto il controllo del nuovo regno d’italia.

                  Fu necessario dispiegare l’Esercito in una lunga e sanguinosa azione di
               contro-insorgenza, come la chiameremmo oggi, che giunse ad impiegare fino
               a 100.000 soldati e si protrasse per tutti i primi 10 anni fondanti che sono
               oggetto di questo congresso, per arrivare ad un controllo accettabile del terri-
               torio del sud del regno.

                  La cosiddetta “guerra cafona” e’ una delle pagine della nostra storia nazio-
               nale  che  andrebbe  approfondita  più  di  quanto  non  lo  sia,  riconoscendo  le
               ragioni e i torti di tutti  per elaborare una memoria condivisa di questa pagina
               dolorosa dei nostri inizi.
                  in quei primi 10 anni dall’unita’ nazionale venne creata anche la marina
               nazionale fondendo, a freddo come si dice oggi, la piccola marina sarda con
               la più solida e rodata marina borbonica.
   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14