Ministero della Difesa

Roma 20 ottobre 2011

Verso il 4 novembre



Il 4 novembre 1918 terminava la prima guerra mondiale. Con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, dopo quasi tre anni e mezzo di combattimenti, si concludeva quella che allora venne definita la “Grande Guerra” e si completava il processo di unificazione nazionale.

 

Tre anni dopo, il 4 novembre 1921, l’Italia si stringeva attorno alla figura del “Milite ignoto”, un soldato senza nome per  quella che rappresentò la prima forma di elaborazione del lutto personale e collettivo e, soprattutto, un simbolo di identità collettiva e di unione.

 

Ecco perché il 4 novembre si celebra il Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Una giornata che il Regio decreto n. 1354 del 23 ottobre 1922  dichiarò festa nazionale.

 

Una ricorrenza celebrata con l’apertura delle caserme di tutta Italia, ma non solo. Dal 2008, su iniziativa del Ministro della Difesa Ignazio La Russa, si organizzano diverse celebrazioni, in varie città d’Italia, alle quali dedicheremo spazio nel nostro sito.

 

A partire da oggi vi racconteremo eventi, uomini, episodi, che hanno scritto una significativa pagina della storia italiana, per giungere alle celebrazioni che quest’anno, ricorrendo il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, assumono un particolare significato.