19 aprile 2010

Inaugurata a Herat l'emittente radiofonica ''Sada e azadi'' west

E’ stato il Sottosegretario di Stato alla Difesa Onorevole Guido Crosetto, alla vigilia della cerimonia di passaggio di consegne tra la Brigata “Sassari” e la Brigata “Taurinense”, a tagliare il nastro tricolore posto all’ingresso degli studi di Radio “Sada e Azadi West” - “La voce della libertà”, l’emittente radiofonica del contingente italiano in Afghanistan che, attraverso le sue trasmissioni da Camp “Arena”, offrirà informazioni di pubblica utilità per la popolazione afghana ed una maggiore e corretta cognizione sulle finalità della presenza delle forze della coalizione NATO di ISAF in Afghanistan al fine di incrementarne ulteriormente il consenso.

Gli studi, che costituiscono la redazione regionale per l’area ovest di competenza italiana del network radiofonico della NATO, sono stati realizzati, con fondi nazionali, ad opera degli uomini e donne del Regional PSYOPS Support Element (RPSE) costituito dal personale del 28° reggimento “Pavia”, unità deputata alla funzione operativa “Comunicazioni Operative”.

Il Comandante della Task Force, Maggiore Renato Rocchetti, dirige e gestisce la nuova emittente radiofonica che annovera tra il suo personale anche un Sottufficiale dell’Aeronautica Militare e 3 giornalisti locali a cui, a breve, se ne aggiungeranno altri.
La scelta di una redazione composta da personale locale è strettamente connessa all’audience che si intende raggiungere, la popolazione dell’area del Regional Command West, ragione per cui i programmi saranno trasmessi esclusivamente in lingua Dhari e Pashto.

Il palinsesto comprenderà, nella prima fase, spazi di intrattenimento musicale, di informazione locale e rubriche di approfondimento su tematiche di rilievo sociale e cultura locale.

La radio, strumento d’informazione prevalentemente diffuso in tutto l’Afghanistan, consentirà di raggiungere la popolazione anche nelle aree più remote al fine di fornire un importante contributo alla crescita sociale ed allo sviluppo del Paese, nonché informare tempestivamente la popolazione in caso di situazioni di pericolo o di emergenza, valicando agevolmente i limiti dell’analfabetismo e delle distanze.

L’Onorevole Guido Crosetto, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Vincenzo Camporini, dal Comandante del Comando Operativo di vertice Interforze, Generale di Squadra Aerea Tommaso Ferro e dal Comandante del Regional Command West – Generale di Brigata Alessandro Veltri – ha avuto il piacere di accendere la luce “ON AIR” con un suo indirizzo di saluto che è stato tradotto, in simultanea, nei due idiomi afgani.
“Radio Sada e Azadi - ha affermato l’Onorevole Crosetto durante il suo intervento radiofonico - è un mezzo di comunicazione che si avvale di personale giornalistico interamente afghano, giovane e preparato, con il quale vogliamo offrire a tutti i cittadini delle quattro province occidentali, agli abitanti delle città e a quelli che vivono nelle comunità più isolate, un’informazione attenta e obbiettiva sulla realtà nuova dell’Afghanistan. La programmazione di Radio Sada e Azadi esprimerà una costante attenzione alle vostre fiere tradizioni e alla vostra prestigiosa cultura, ma senza tralasciare le concrete necessità della vostra vita quotidiana. Uno strumento di servizio, dunque, ma anche di intrattenimento; una nuova voce che aumenterà lo spazio della partecipazione consapevole alla vita democratica di questo Paese”.