Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Comunicati stampa > Il Sottosegretario On.le Cossiga incontra le Organizzazioni Sindacali della Difesa

Comunicato del:

26 gennaio 2010

Il Sottosegretario On.le Cossiga incontra le Organizzazioni Sindacali della Difesa

 Il Sottosegretario di Stato, On.le Giuseppe COSSIGA, delegato dal Ministro della Difesa per le relazioni sindacali, in data odierna ha incontrato, a tavoli separati, i rappresentanti nazionali delle Organizzazioni Sindacali operanti nel Dicastero per l’esame del provvedimento di riorganizzazione del Segretariato Generale, delle Direzioni generali e degli Uffici centrali del Ministero della Difesa.

 In apertura di riunione il Sottosegretario COSSIGA ha espresso profondo cordoglio per la morte di un addetto alla vigilanza dell’Arsenale Militare di Taranto, a seguito di un incidente all’interno dell’infrastruttura. Fermi restando gli esiti delle indagini in corso a cura degli Organi giudiziari ed ispettivi, l’Onorevole ha assicurato la massima attenzione della Difesa sulla tematica della sicurezza del lavoro all’interno delle strutture militari e sull’attuazione delle relative normative, obiettivi pregnanti per l’azione del Dicastero.

 L’Onorevole COSSIGA ha, quindi, illustrato il provvedimento all’ordine del giorno, rappresentando che lo stesso ha carattere transitorio, in attesa della ridefinizione complessiva del sistema Difesa ed ha assicurato la massima attenzione alle esigenze di valorizzazione delle professionalità del personale civile. Sono state nell’occasione esaminate le osservazioni formulate dalle parti sociali sul provvedimento, alcune delle quali hanno trovato recepimento.

 Al termine della riunione, che si è svolta in un clima di proficua collaborazione, il Sottosegretario ha dato notizia della prossima diramazione della direttiva, a firma del Ministro, concernente i criteri generali per l’applicazione al personale civile della Difesa della recente normativa sul trattenimento in servizio per un biennio oltre i limiti di età e la risoluzione del rapporto di lavoro per anzianità contributiva di quarant’anni.

Pagina pubblicata il 05-03-2011