Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Comunicati stampa > Il Ministro Parisi insedia il Comitato per la prevenzione e il controllo delle malattie

Comunicato del:

14 dicembre 2007

Il Ministro Parisi insedia il Comitato per la prevenzione e il controllo delle malattie

Il Ministro della Difesa, Arturo Parisi, come annunciato nell'ultima audizione della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio, ha oggi Insediato il Comitato per la prevenzione e il controllo delle malattie, istituito con Decreto del Ministro della Difesa lo scorso 23 novembre, al quale sono attribuiti compiti di studio e ricerca attinenti alle gravi patologie, che colpiscono i militari italiani impiegati in Italia e all’estero.

E' un'altra iniziativa assunta - dopo quelle realizzate nelle scorse settimane - per fare luce sulla tematica.“Quello che ci guida in ogni nostra azione” - ha detto il Ministro Parisi - “e quindi ci ha guidato nella costituzione di questo Comitato, è la salvaguardia della salute del nostri militari. La Difesa e le Forze Armate sono infatti le prime a considerare la salute dei militari come un bene prezioso da salvaguardare”.

Riferendosi poi al clima di diffidenza che talvolta si è ingenerato su tali problematiche e alle polemiche che da esso sono derivate, il Ministro Parisi ha sottolineato “la volontà, di approfondire ogni questione”, precisando e confermando che “su questo argomento il ministero è fermamente intenzionato a predisporre il massimo della trasparenza e della chiarezza".

Il Comitato, che dura in carica tre anni, è composto da autorevoli esperti indicati dal Ministero della Salute, della Ricerca e Università, dalla Difesa e dalla Commissione di indagine parlamentare. Esso è così composto:

- Ten. Gen. Michele DONVITO;
- Prof. Robin FOA’;
- Dott.ssa Antonietta GATTI;
- Dott. Valerio GENNARO;
- Prof. Renato LAURO;
- Prof. Andrea LENZI;
- Amm. Isp. Capo Vincenzo MARTINES;
- Prof.ssa Paola MUTI;
- Prof. Guido RASI;
- Dott.ssa Stefania SALMASO;
- Prof. Massimo ZUCCHETTI.

Pagina pubblicata il 05-03-2011