Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Comunicati stampa > Italia-Svizzera: incontro dei Ministri della Difesa

Comunicato del:

26 febbraio 2007

Italia-Svizzera: incontro dei Ministri della Difesa

Il Ministro della Difesa, Arturo Parisi, ha incontrato questa mattina, a Roma, il collega Samuel Schmid, Capo del Dipartimento Federale della Difesa, della Protezione della Popolazione e dello Sport della Confederazione Svizzera.
L'agenda dei colloqui, che si inseriscono nel contesto delle ottime relazioni esistenti tra i due Paesi, ha riguardato l'esame del quadro internazionale di sicurezza e la situazione dei rapporti bilaterali.
I Ministri hanno anche siglato un accordo che definisce i termini per l’effettuazione del servizio militare da parte dei cittadini con doppia nazionalità, con riferimento anche alla attuale fase di sospensione in Italia della coscrizione obbligatoria.
Nel corso dell’incontro, Parisi e Schmid hanno approfondito argomenti relativi al processo di riforma delle Forze Armate italiane ed agli impegni delle stesse nelle attività internazionali di pace.
A tale ultimo riguardo, il Ministro Parisi, nel ricordare l’eccellente collaborazione instaurata in tali contesti operativi tra le rispettive componenti militari, ha sottolineato come la tradizionale disponibilità svizzera alla partecipazione alle missioni sotto l’egida dell’ONU sia pienamente conforme alle linee di politica militare dell’Italia.
I Ministri si sono inoltre soffermati sulla situazione nei Balcani, in Medio Oriente ed in Afghanistan, concordando sull’esigenza, fortemente sostenuta dall’Italia nei principali fori internazionali, di un utilizzo dello strumento militare nell’ambito di una strategia multidimensionale che impieghi in maniera coordinata tutte le risorse disponibili.
In tema di collaborazione bilaterale, che si incrive nel contesto di vari accordi siglati dai due Governi, Parisi e Schmid hanno fatto stato delle ottime relazioni esistenti tra le rispettive Forze Armate nei settori addestrativo, della formazione e della sicurezza dello spazio aereo.
Pagina pubblicata il 05-03-2011