Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Comunicati stampa > Il Ministro Martino a Bruxelles per il CAGRE UE e per incontrare il Segretario Generale della NATO

Comunicato del:

21 novembre 2005

Il Ministro Martino a Bruxelles per il CAGRE UE e per incontrare il Segretario Generale della NATO

Il Ministro della Difesa, Antonio Martino, si trova a Bruxelles per partecipare all’incontro dei Ministri della Difesa in occasione del Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (CAGRE) dell'Unione Europea.

In giornata, inoltre, il Ministro incontrerà, presso la sede dell’Alleanza Atlantica, il Segretario Generale della NATO, Jaap de Hoop Scheffer, con il quale approfondirà alcuni temi di attualità di interesse dell’Alleanza.

Nell’ambito del CAGRE, i Ministri della Difesa, in previsione anche del Consiglio Europeo del prossimo dicembre, esamineranno la situazione nei Balcani, con particolare riferimento alle operazioni in corso a guida europea in Bosnia Erzegovina, dove l’Italia, dal prossimo dicembre, guiderà la missione “ALTHEA”.

I Ministri, inoltre, si soffermeranno sulle attività in corso per il conseguimento, entro il 2010 (“Headline Goal 2010”), delle capacità operative europee necessarie per l’esecuzione delle missioni di Petersberg, in un contesto strategico caratterizzato da minacce asimmetriche e da conseguenti esigenze di ampie capacità in termini di proiettabilità e di flessibilità.

In tale quadro, saranno in particolare discussi, con riferimento anche alle iniziative in corso in ambito NATO, i temi relativi alla costituzione dei Battlegroup e al trasporto strategico marittimo ed aereo.

Nel corso della riunione, inoltre, saranno approfonditi taluni aspetti legati alla cooperazione civile-militare per la gestione delle crisi, nel contesto di un approccio integrato che assicuri coerenza e coordinamento agli strumenti di cui l’Unione Europea dispone.

I Ministri, infine, discuteranno alcuni temi relativi alle attività dell’Agenzia Europea di Difesa, tra cui il programma delle attività nel 2006.

Pagina pubblicata il 05-03-2011