Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Comunicati stampa > Messaggio augurale di fine anno alle Forze Armate

Comunicato del:

30 dicembre 2002

Messaggio augurale di fine anno alle Forze Armate

"Soldati, Marinai, Avieri, Carabinieri, Personale civile della Difesa,
"nell'imminenza delle festività di fine anno desidero porgervi cordiali saluti e formularvi fervidi auguri per il nuovo anno. Il 2002 che sta per chiudersi è stato impegnativo per le Forze Armate e per il Dicastero. Abbiamo continuato ad assicurare un grande apporto alla pace ed alla sicurezza internazionale. Oltre ottomila militari operano fuori dei nostri confini: nei Balcani, nel Medioriente, in Afghanistan, fra Eritrea ed Etiopia ed in altre parti del mondo. "A breve, un contingente di terra parteciperà in Afghanistan alla campagna antiterrorismo della missione "Enduring Freedom" durante la quale già vennero dispiegate forze aereonavali nel Mare Arabico. Tale partecipazione costituisce un nuovo, impegnativo compito che i nostri reparti assolveranno con competenza ed efficienza. "L'Italia dimostra sempre più d'essere consapevole dei doveri che le provengono dal rango internazionale di grande e prospera democrazia e dalla conseguente necessità di contribuire anche militarmente alle azioni concertate con la comunità delle nazioni amiche, alleate, civili. "Il 2002 ha rappresentato un "giro di boa" nell'ampliamento della NATO e della UE, scandito dai vertici di Praga e Copenaghen. "L'area della democrazia e della libertà va estendendosi nell'Europa centrale ed orientale, verso il Baltico ed il Mediterraneo. L'Italia intende restare protagonista di questa nuova fase di collaborazione e stabilità per l'Europa, caratterizzata anche dallo stretto dialogo fra NATO e Russia, solennemente sancito in maggio nel vertice di Pratica di Mare. "Il 2002 è stato l'anno in cui l'Alleanza Atlantica si è profondamente trasformata per fronteggiare il drammatico attacco del terrorismo alla convivenza civile e la minaccia mortale delle armi di distruzione di massa. E' un cambiamento con conseguenze rilevanti per le forze militari degli Alleati, chiamati ad una sempre più integrata cooperazione multinazionale ed interforze per realizzare sinergie tanto nel campo operativo quanto nei settori della ricerca e sviluppo dei sistemi d'arma.
"Soldati, Marinai, Avieri, Carabinieri, Personale civile della Difesa,
"l'Italia sa di poter contare sempre su di voi. Ha bisogno della vostra opera per fornire un forte contributo alla pace nel mondo. Intende proseguire nell'ammodernamento delle Forze Armate e del sistema Difesa in modo che la partecipazione alle attività delle Nazioni Unite, dell'Alleanza Atlantica, dell'Unione Europea sia sempre più incisiva ed efficace. "Auguro di cuore che la gioia delle festività rallegri le vostre case anche nei giorni a venire e rivolgo un pensiero speciale a quanti tra voi, militari o civili, aspetteranno lontano dagli affetti familiari l'arrivo del 2003. "Buon anno! "Viva l'Italia!"
Pagina pubblicata il 05-03-2011