Difesa.it

Bandiera distintiva del Ministro della Difesa
 
Il Ministro > Compiti e Attività > Audizioni > Comunicazione del Ministro della Difesa, On. Arturo PARISI, alla Camera dei Deputati sull'attentato in Afghanistan del 26 settembre 2006

Audizione del:

26 settembre 2006

Comunicazione del Ministro della Difesa, On. Arturo PARISI, alla Camera dei Deputati sull'attentato in Afghanistan del 26 settembre 2006

Signor Presidente, Onorevoli Colleghi,

sono qui a riferire, purtroppo, su un nuovo grave lutto che ha colpito il nostro Contingente in Afghanistan.

Passo subito all'esposizione dei fatti così come sono stati ricostruiti sulla base delle prime informazioni sinora pervenute.

All'alba di oggi, circa alle 05.30 in Italia, le 8.00 a Kabul, una bomba è esplosa al passaggio di un convoglio militare dell'ISAF a circa dieci chilometri a sud della capitale afgana. A causa dell'esplosione un nostro militare è deceduto mentre altri cinque nostri militari sono rimasti coinvolti, riportando varie ferite. Si contano vittime anche tra i civili afgani: infatti, l'esplosione coinvolgeva anche una vettura civile, in transito, provocando il decesso di un bambino ed il ferimento di altri due occupanti.

L'attacco è avvenuto nei confronti di una normale attività di pattuglia condotta dal Contingente italiano nell'area di competenza, nella zona del distretto di CHASÀR ASYÀB, a bordo di tre veicoli blindati leggeri. L'esplosione, riconducibile ad un ordigno controllato a distanza, ha investito il terzo mezzo, sul quale viaggiavano i sei militari coinvolti, tutti appartenenti al 2° Reggimento Alpini di Saluzzo.

Il Caporal Maggiore Capo Giorgio Langella ha perso la vita a seguito delle ferite riportate; il Caporal Maggiore Vincenzo Cardella è al momento in sala operatoria presso l'ospedale militare francese; il Maresciallo Francesco Cirmi presenta fratture gravi al bacino ed agli arti inferiori. Altri tre militari, il Capo Maggiore Scelto Salvatore Coppola, il Caporale Sebastiano Belfiore e il Caporale Pamèla Rendina hanno riportato lievi ferite e le loro condizioni non destano preoccupazioni.
 Sul posto è stato immediatamente attivata ogni attività di soccorso e recupero, via terra e con elicottero, per il trasporto dei feriti presso il ROLE 2 (ospedale militare di primo intervento) del Contingente francese.

I familiari sono stati tempestivamente informati.
I 3 feriti meno gravi hanno personalmente avuto modo di parlare con le proprie famiglie.
Sono in corso i rilievi e gli accertamenti da parte degli organi di polizia militare per individuare l'esatta dinamica e la causa del tragico evento.

IL MINISTRO

Pagina pubblicata il 05-03-2011