Ministero della Difesa

Versione Italiana

Il gioco d’azzardo patologico e le nuove dipendenze: analisi preliminare di un fenomeno in continua metamorfosi

Lavoro e Sicurezza - Comitato tecnico scientifico per lo studio dei disturbi mentali

Roma,  3 novembre 2014

Le “nuove dipendenze”, hanno assunto un ruolo di primo piano nel panorama dei sintomi/disturbi contemporanei sia per la loro crescente diffusione sia per l’impatto, potenzialmente nefasto, che esercitano sulla sfera soggettiva, socio–relazionale e familiare.

Tali dipendenze, si manifestano nel compulsivo bisogno di ricercare l’oggetto, praticare l’attività, una coazione a ripetere o ripetizione  in grado di compromettere l’esistenza stessa della persona, fuori dalle sue possibilità di controllo razionale.

Nell’articolo vengono presentate, in accordo con i più recenti studi di settore, le principali forme di dipendenza psicologica e la problematica relazione che s’instaura tra il soggetto e l’oggetto della dipendenza, mostrando in modo inequivocabile l’estensione significante del concetto di dipendenza dalla sostanza (Dependence) all’oggetto in senso lato fino al comportamento posto in essere (Addiction).


Nel corso della trattazione, si fa largo riferimento alla Personalità Dipendente quale costellazione psicologica incline allo sviluppo di problematiche da Addiction.  Questa prospettiva, rappresenta un interessante percorso di ricerca per l’approfondimento scientifico specifico, tenuto conto che la dimensione semantica legata al costrutto della Dipendenza “essere appeso, attaccato” permette la formulazione di interessanti ipotesi di ricerca legati all’esplorazione degli stili di attaccamento o, appunto, in una prospettiva nosografica del disturbo di personalità dipendente.

Nel contesto militare, il personale, seppure selezionato, addestrato, formato e valutato continuamente sia dal punto di vista disciplinare e professionale sia da quello prettamente sanitario, è parte integrante della popolazione e per questo ne è, almeno in parte, un riflesso.

Alla luce di quanto sopra, il Comitato tecnico scientifico per lo studio dei disturbi mentali e la promozione della salute del personale militare, intende studiare, divulgare e implementare tutte le azioni necessarie affinché i fenomeni devianti siano circoscritti e gestiti attraverso la diuturna opera dei Comandanti e del personale sanitario alle dipendenze, affinché si diffonda sempre più la consapevolezza che la salute, e la sua promozione, passano per il comportamento responsabile di ciascun individuo in primis e di quello dell’organizzazione in subordine.

Il testo completo dell'articolo è disponibile QUI .