Ministero della Difesa

Versione Italiana

1^ Giornata Epidemiologica della Difesa

Eventi - Redazione

Roma,  22 settembre 2015

​Il 30 Novembre 2015, presso l'Aula Magna della Scuola Trasporti e Materiali dell'Esercito, si terrà la 1^ Giornata Epidemiologica della Difesa, organizzata dall'Ispettorato Generale della Sanità Militare.

Scopo dell'evento è la sensibilizzazione del personale sanitario militare, medici ed infermieri, sull'importanza del continuo e corretto flusso di informazioni epidemiologiche attraverso il metodo delle "notifiche obbligatorie" ed attraverso l'uso del sistema SISAD.  Nel contempo l'evento offrirà la possibilità di fare il punto sulla situazione epidemiologica del personale militare, come si evince dai lavori e dai dati in possesso dell'Osservatorio Epidemiologico della Difesa, nonchè occasione privilegiata di aggiornamento scientifico grazie alla particolare autorevolezza dei relatori invitati.

L’Osservatorio Epidemiologico della Difesa (OED) è stato istituito il 20.03.2006  alle dirette dipendenze dell'allora Direzione Generale della Sanità Militare (DIFESAN), per poi transitare nell’Ispettorato Generale della Sanità Militare (IGESAN).

L’OED è attualmente responsabile della raccolta, analisi, valutazione e diffusione di tutti i dati statistici relativi a morbosità e mortalità del personale militare e civile del Ministero della Difesa nei seguenti settori di attività:

• Malattie infettive;
• Patologie neoplastiche;
• Malattie con prognosi superiore ai 45 giorni;
• Fenomeno tossicodipendenze;
• Farmacovigilanza.


Tali notizie vengono notificate all’OED da parte delle quattro Forze Armate insieme al grado, ai dati anagrafici (luogo e data di nascita) e alla denominazione dell’ente dove il militare presta servizio in quel momento.
Tra le attività di particolare rilevanza svolte dall’O.E.D. si evidenziano il “Monitoraggio sanitario nei Balcani” (cosiddetto “Protocollo Mandelli”), il “Monitoraggio tumori” .

La Giornata di studi è accreditata ai fini ECM per le professioni sanitarie ed è aperta anche al personale civile interessato.